6 NOV: I MARTEDI’ DI URBAN CENTER

La città è spesso meglio di quanto crediamo. È ricca di vicende che s´incrociano, di progetti che ne trasformano i mille angoli, ma senza snaturarli, di gruppi e individui che lavorano e vivono innescando azioni virtuose.

Organizzati dall’Urban Center Metropolitano di Torino, una struttura di presidio e supporto ai processi di trasformazione di Torino e dell’area metropolitana e luogo di ricerca, riflessione, formazione e confronto sui temi dell’architettura, del paesaggio e del dibattito urbano, i martedì di Urban Center nascono per dare voce alle storie che i luoghi raccontano: esperienze a geometria variabile ­ che in misura diversa contribuiscono alla trasformazione fisica e culturale della città, all´innovazione sociale ed economica, dal centro alle periferie ­ entrano così in un racconto collettivo, fino a disegnare la mappa possibile di una città migliore.
Appuntamento per martedì 6 novembre 2012, ore 18.00 presso la sede dell’Urban Center in Piazza Palazzo di Città con il primo incontro dal titolo “Abitare a Porta Palazzo”.
In via Cottolengo, nel cuore multietnico di Torino e di fronte al più grande mercato all´aperto d’Europa, una associazione di abitanti, crea una specifica cooperativa e acquista e ristruttura una vecchia casa di ringhiera per farne alloggi in co-housing, con progetti e modalità di gestione del tutto innovativi. Bruna, Elena, Ludovica, Paolo, Alessandra, Chiara, Teo, Irene, Piera raccontano il loro progetto, ora in fase di conclusione: un tassello piccolo, ma emblematico per la grande forza innovativa, in uno dei luoghi più simbolici di Torino, da almeno un decennio oggetto di una profonda rigenerazione.  Introduce Carlo Olmo, direttore dell’Urban Center Metropolitano e coordina: Guido Tiberga, caporedattore Cronaca di Torino, La Stampa.
L’ingresso è libero sino ad esaurimento posti.

Per saperne di più clicca qui
Segui l’evento sul  blog imartedidiurbancenter.wordpress.com
Su Facebook facebook.com/ucm.torino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *